Bonus caldaia, il più importante (e utile) del momento: non lasciartelo sfuggire

In vista della prossima Legge di bilancio è probabile che sarà confermato il bonus caldaia 2023, ma con qualche piccola novità.

Il 2022 è stato caratterizzato da diversi benefici e agevolazioni soprattutto del campo energetico. Non a caso, fino al 31 dicembre è disponibile il bonus caldaia 2022 indirizzato in favore dei contribuenti proprietari di abitazioni, che sostengono le spese per la sostituzione di un vecchio impianto con uno nuovo a condensazione.

bonus importantissimo
crypto currency

Il bonus caldaia, attualmente ancora disponibile, ha lo scopo di sostenere le spese relative alla sostituzione di una vecchia caldaia, con un impianto nuovo di classe energetica A o superiore. È possibile sfruttare l’agevolazione anche per l’acquisto delle valvole termostatiche da collegare agli impianti di riscaldamento.

Scopiamo cosa accadrà nel 2023 e se sarà ancora possibile accedere a tale beneficio.

Bonus caldaia 2023: ecco cosa dobbiamo attenderci

Fino al 31 dicembre 2022 coloro che decidono di installare una nuova caldaia o delle valvole termostatiche hanno la possibilità di accedere ad un bonus. In particolare, per il 2022, sono disponibili due benefici:

  • L’ecobonus che dà accesso a detrazioni fiscali pari al 65% della spesa sostenuta;
  • Il bonus ristrutturazione che offre una detrazione fiscale del 50%.

Per poter accedere alla detrazione fiscale del 65%, prevista dall’ecobonus 2022, è necessario effettuare uno di questi interventi:

  • Installare sistemi di termoregolazione evoluti che appartengono alle classi V, VI o VIII.
  • Installare impianti dotati di apparecchi ibridi caratterizzati da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione.
  • Sostenere spese relative all’acquisto e alla posa in opera di generatori di aria calda a condensazione.

Per quanto, invece, riguarda l’agevolazione fiscale del 50%, questa può essere usufruita per i seguenti interventi:

  • L’installazione di una caldaia a condensazione di classe energetica A senza valvole;
  • La sostituzione di un impianto di climatizzazione con impianti dotati di caldaie a condensazione di classe energetica pari alla A oppure superiore, purché sia rispettato il limite di spesa di €30.000;
  • L’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti muniti di generatori di calore alimentati a biomassa, sempre nel rispetto della spesa di €30.000.

Come ottenere il bonus?

Per ottenere il bonus caldaia 2022 è necessario trasmettere all’Enea la scheda descrittiva dell’intervento di riqualificazione energetica. La richiesta deve essere seguita in via telematica entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori. Dopo l’invio della domanda occorre conservare la ricevuta dell’avvenuto invio, le fatture, il certificato di asseverazione e la dichiarazione di consenso all’esecuzione dei lavori.

In attesa che la prossima Legge di bilancio offra disposizioni in merito alla possibilità di accedere nuovamente al bonus, anche per l’anno 2023, ricordiamo che il beneficio viene erogato sotto forma di detrazione fiscale in fase di dichiarazione dei redditi.

In sostanza, il contribuente ha la possibilità di recuperare una parte delle spese sostenute tramite il modello 730. La quota che spetta al contribuente è divisa in dieci rate annuali di pari importo.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni , bonus, invalidità - 104 e news